Vlahovic piace a tutti: tre big inglesi alla finestra

Tempo di lettura: < 1 minuto

VLAHOVIC MERCATO - Un attaccante con pochi eguali in Europa, giovane e letale: è questo il profilo di Dusan Vlahovic. Il centravanti della Juventus, perciò, è uno dei calciatori più appetibili sul mercato. E nonostante un rapporto importante con il club bianconero, non mancano gli interessi. Soprattutto quelli di squadre inglesi.

JUVENTUS, IL PUNTO SUL RINNOVO DI CUADRADO

Calciomercato Juventus: Vlahovic piace in Premier League

Secondo quanto riportato dal "Daily Mail" in Inghilterra, il futuro di Dusan Vlahovic potrebbe essere oltremanica. Il centravanti della Juventus, infatti, sarebbe finito nel mirino di tre big inglesi: Chelsea, Arsenal e Manchester United. Squadre che nella sessione estiva di mercato potrebbero provare l'affondo. Sempre secondo quanto raccontato in Inghilterra, la Juve potrebbe cedere di fronte a un'offerta di circa 90 milioni di euro. Al tempo, e al mercato, l'ardua risposta.

Infortunio Miretti, sospetta distorsione alla caviglia

Tempo di lettura: < 1 minuto

MIRETTI INFORTUNIO - Miretti è uscito in barella dopo un contrasto in aria con Coulibaly, durante il quale sembra aver appoggiato la caviglia sul polpaccio dell'avversario. Le condizioni del giocatore sembravano tali da richiedere inizialmente un trasferimento in ospedale.

Al momento però si sospetterebbe una distorsione di cui si starebbe occupando lo staff medico bianconero direttamente all'Arechi. Gli esami a cui si sottoporrà nei prossimi giorni sapranno dire di più sull'entità dell'infortunio. C'è infatti da capire se c'è un interessamento di tibia e perone, visto che il giocatore ha asserito di aver avvertito dolore all'altezza del collo del piede.

Salernitana - Juventus, le pagelle dei quotidiani sportivi

Tempo di lettura: < 1 minuto

PAGELLE SALERNITANA JUVENTUS QUOTIDIANI SPORTIVI - Queste le sue pagelle e quelle dei compagni assegnate ai giocatori di Massimiliano Allegri dai maggiori quotidiani sportivi nazionali. 

Serie A, le pagelle della Juventus assegnate dai quotidiani sportivi

I giocatori della Juventus festeggiano la vittoria con la Salernitana
LaPresse

Le pagelle de La Gazzetta dello Sport

Szczesny 6; Danilo 6, Bremer 6, Alex Sandro 6.5; De Sciglio 6 (79’ Iling-Junior sv), Miretti 6.5 (43’ Fagioli 7), Locatelli 6.5, Rabiot 6.5, Kostic 6.5 (62’ Cuadrado 6); Di Maria 7 (62’ Chiesa 6), Vlahovic 7.5 (79’ Kean 6). 

Allenatore: Allegri 7

I voti del Corriere dello Sport

Szczesny 6; Danilo 6, Bremer 6.5, Alex Sandro 6; De Sciglio 6 (79’ Iling-Junior sv), Miretti 6.5 (43’ Fagioli 6.5), Locatelli 6.5, Rabiot 6, Kostic 6 (62’ Cuadrado 6); Di Maria 7 (62’ Chiesa 6), Vlahovic 8 (79’ Kean sv). 

Allenatore: Allegri 7

La pagella di TuttoSport

Szczesny 6; Danilo 6, Bremer 6.5, Alex Sandro 6; De Sciglio 6 (79’ Iling-Junior sv), Miretti 6.5 (43’ Fagioli 7), Locatelli 6.5, Rabiot 6, Kostic 7 (62’ Cuadrado 6); Di Maria 7 (62’ Chiesa 6.5), Vlahovic 8.5 (79’ Kean 6.5). 

Allenatore: Allegri 7

Salernitana, Nicola: "Vanno riconosciuti i meriti della Juve"

Tempo di lettura: 3 minuti

CONFERENZA STAMPA NICOLA SALERNITANA JUVENTUS - Queste le parole di Davide Nicola al termine di Salernitana Juventus, rilasciate ai microfoni di DAZN prima e in conferenza stampa poi. 

Le parole di Nicola su Salernitana Juventus

Nel primo tempo abbiamo fatto discretamente bene. Abbiamo preso gol nei momenti chiave ma lo accettiamo, non si deve crocifiggere l’errore di un giocatore. I giovani vanno aspettati, Nicolussi sta facendo bene. Mi interessa il primo tempo, ma è chiaro che dopo aver preso questi gol diventa difficile rimediare. 

Nella ripresa abbiamo dovuto cambiare qualcosa per trovare quella scintilla e cambiare il modo di stare in campo, per essere più aggressivi. Poi abbiamo preso il terzo gol ed è diventato più difficile riaprirla”.

Il discorso di Nicola alla squadra all'intervallo

“Ci siamo detti che era importante non farla scappare ulteriormente e di trovare il momento per riaprirla. Ma è vero che vanno riconosciuti i meriti della Juve. Nel primo tempo abbiamo tenuto bene il campo, stiamo progredendo. Non è andata come volevamo, ora pensiamo alla prossima”.

Su Dia

“Abbiamo proposto di più a destra. La Juve ha controllato bene la parte sinistra nostra, Dia ha fatto quello che sa far meglio. Non siamo stati veloci nel giro palla, ma era anche la Juve che arretrava il baricentro per portarci ad attaccare degli spazi. 

A parte gli episodi nel primo tempo non abbiamo fatto male, abbiamo concesso qualcosa di più nel secondo. Contro queste squadre però è tutto più difficile. Prendiamo quello che di buono c’è, la mentalità, e miglioriamo quello che c’è da migliorare”.

Salernitana Juventus, Nicola in conferenza stampa

"Sono parzialmente soddisfatto della partita. Sapevamo che la Juventus non ha questi punti in classifica e quindi ha dei valori. Abbiamo preso gol in un momento chiave, poi ci siamo detti di non farla scappare ulteriormente. Nella ripresa potevamo fare qualcosa in più. Nel primo tempo però abbiamo tenuto bene in campo, la squadra ci stava soddisfacendo. Peccato per quel gol subito da polli".

Nicola commenta ancora la posizione di Dia

"È una posizione di partenza, poi nello sviluppo può fare la seconda punta. A Lecce l'ha fatto bene, stasera no, ripiegava in un ruolo che lui conosce e che ha già fatto. Dobbiamo assecondarlo meglio quando si accentra, coprendogli le spalle quando perdiamo palla. 

Però è vero che quando incontri Napoli e Juve un'accortezza maggiore anche da parti degli attaccanti deve starci. Lui ha la qualità di sacrificio per la squadra, ha fatto la sua partita, come l'hanno fatta i suoi compagni".

Gli errori della Salernitana

"La reazione della Salernitana c'è stata, sapevamo di poter cambiare, accettando con tre difensori un controllo maggiore per avere uomo a uomo sulle corsie laterali e controllare Locatelli con un giocatore che potesse avere la qualità anche per andare in avanti. Poi questo è cambiato mettendo le due mezzali. 

Non è che abbiamo sbagliato atteggiamento, secondo me abbiamo preso dei gol con troppa facilità. E poi diventa difficile contro la Juve trovare la scintilla per riaprire la partita e non lasciartela sfuggire".

Nicola su Nicolussi Caviglia e Bohinen.

"Nicolussi è un giocatore estremamente interessante, ha fatto sempre bene, stasera è stato nella condizione di sbagliare qualcosa. Poi ci lamentiamo che certi giovani non giocano, ma quando fanno qualche errorino diciamo che forse non sono adeguati. Nicolussi non esclude Bohinen, può fare il play e la mezzala. 

Stasera abbiamo cambiato tutti e tre i centrocampisti e Bradaric perché era diffidato, in prospettiva Verona. La partita che andremo a fare lunedì sarà molto importante, come quella di stasera. Noi pensiamo sempre di poter far bene e far punti, poi riconosciamo il valore dell'avversario come stasera o col Napoli".

La prestazione di Lassana Coulibaly secondo Nicola

"Ha sempre giocato, ma ha le risorse fisiche per essere sempre determinante. Noi stiamo cercando di far crescere anche a livello di condizione Crnigoj, che è già due volte che entra, poi Kastanos, Bohinen che stiamo cercando di considerarlo. Io del centrocampo sono soddisfatto. Abbiamo sei centrocampisti che possono equivalersi e possono essere determinanti sia partendo dall'inizio che subentrando. Si tratta solo di lavorare e portare tutti allo stesso regime".

Nicola sulla prossima sfida con il Verona

"Questo sarebbe interessante da poter valutare in profondità. In casa abbiamo incontrato recentemente squadre con altri tipi di qualità e un'altra forza d'impatto. Non dico come intendo giocare lunedì a Verona. Adesso stiamo dimostrando una compattezza, che non dura ancora 90', anche se a Lecce sì. Col Napoli e la Juventus l'abbiamo fatto a tratti. Se proprio dobbiamo concedere un gol bisogna renderlo più difficile, sono convinto che il lavoro di campo porterà il risultato che desideriamo".

Vlahovic: "Dobbiamo continuare così. Sto dando il 100% ma non sono ancora al top"

Tempo di lettura: 1 minuto

VLAHOVIC SALERNITANA JUVENTUS - Due delle tre reti segnate dalla Juventus contro la Salernitana portano la firma di Dusan Vlahovic. Queste le parole del numero 9 bianconero. 

Le prime impressioni di Vlahovic dopo Salernitana Juventus

"Soprattutto per me è importante che abbiamo vinto la partita, perchè mi pare che non avessimo vinto per tre partite di fila. Era importantissimo vincere, poi uno esce sempre fuori, ma grazie alla squadra. Vorrei ringraziare la squadra e il mister, penso che dobbiamo continuare così".

Sul rigore

"Sì, soprattutto per un attaccante è importante fare gol, gli attaccanti vivono di questi e certamente ringrazio Di Maria che mi ha lasciato tirare quel rigore, che per me è era troppo importante. Penso di continuare così, ma sempre al servizio della squadra".

Vlahovic su Allegri

"Sicuramente lui sa quanto possiamo fare, non vuole che ci rilassiamo anche sul 3-0, dobbiamo rimanere compatti, fare il nostro gioco perché in altre circostanze, quando siamo sullo 0-0, non possiamo regalare, non possiamo sbagliare, questo ci dà una grande spinta, ci aiuta a crescere e a lavorare più forte, più duro e con più attenzione".

Il commento di Vlahovic sulla sua condizione fisica

"Va bene, questa è la seconda partita, come ha detto lei... 115 giorni... penso di aver bisogno ancora di un po' di partite per entrare nel ritmo, ma sto dando il 100%, sono sempre lì a dare il massimo e penso che partita dopo partita la mia condizione arriverà al 100%".

La reazione della squadra dopo la penalizzazione

"La realtà è questa, guardando la classifica, noi prima di questa partita aveva 23 punti, ora ne abbiamo 26 e dobbiamo pensare e guardare così, giocare partita per partita, dare il nostro massimo e vincere più partite possibili, perché nella Juventus conta solo vincere e noi dobbiamo comportarci così".

De Sciglio: "Penso solo al campo. Non ho fatto nulla di male"

Tempo di lettura: 2 minuti

DE SCIGLIO SALERNITANA JUVENTUS - Sostituito da Allegri al 79’ di Salernitana Juventus per far entrare Iling-Junior, Mattia De Sciglio si è presentato ai microfoni di DAZN. Queste le sue parole. 

Il commento di De Sciglio su Salernitana Juventus

"Sì, bisogna gestire meglio le partite anche se siamo sul 3-0 perchè comunque è importante finire senza prendere gol, anche per la fiducia, per l'autostima, quindi comunque rischiare il meno possibile, non avere cali di attenzione. gestire meglio la palla".

De Sciglio sui fischi a lui rivolti

"Io penso solo al campo, credo che debba essere giudicato per quello che faccio in campo. Per il resto non ho fatto niente di male, io do sempre il massimo quando scendo in campo per questa maglia, perchè per me la priorità sono la squadra e la Juventus".

Sulle parole e la fiducia di Allegri

"Sicuramente molto, perchè sono stati eventi spiacevoli, perciò mi ha fatto piacere che abbia preso una posizione nei miei confronti".

De Sciglio analizza la sua condizione

"Sì, per quanto riguarda me, mi sono sentito molto meglio rispetto alle ultime due, quindi fortunatamente anche a livello di ritmo gara, di reattività di gambe, mi sentivo molto meglio. Per quanto riguarda la squadra, il focus principale di stasera era evitare una brutta partenza come quella col Monza soprattutto nel primo tempo e con la Salernitana anche all'andata perchè era stata più o meno lo stesso tipo di partenza. 

Altrimenti avremmo rischiato di complicarci la vita da soli, visto che abbiamo bisogno di fare più punti possibili in attesa di quello che verrà deciso. Il focus principale era partire belli aggressivi e compatti".

La posizione in campo più comoda per De Sciglio. Le sue parole

"Sono due ruoli un po' simili con però anche aspetti diversi che comunque nella mia carriera avevo già avuto modo ricoprire, di fare anche il quinto ad esempio con Conte in Nazionale. Per me non è un ruolo nuovo. Come ho fatto anche il terzo centrale, quindi fortunatamente riesco ad adattarmi in questi ruoli. E' chiaro che facendo il quinto devi ricoprire tutta la fascia, ma lo trovo anche un ruolo divertente perchè hai più possibilità di attaccare, fare avanti e indietro rispetto alla difesa a quattro, dove devi prestare più attenzione alla fase difensiva, non che da quinto non debba prestarla, ma hai un po' più la copertura del terzo centrale".

Allegri: "I ragazzi hanno risposto bene per i primo 60 minuti, ma poi sono scesi. C'è da migliorare"

Tempo di lettura: 4 minuti

CONFERENZA STAMPA ALLEGRI SALERNITANA JUVENTUS - Salernitana Juventus è andata in archivio con il risultato di 3-0 a favore dei bianconeri. Al termine della sfida il primo a parlare ai microfoni di DAZN è Massimiliano Allegri,che si è poi presentato anche in conferenza stampa. Queste le parole del tecnico.

Le parole di Allegri al termine di Salernitana Juventus

"I ragazzi hanno risposto bene. Abbiamo fatto dei buoni 60 minuiti, ma dopo il 3-0 i raggazzi hanno cominciato a subire. Poi abbiamo cominciato un pochino a essere superficiali, abbiamo subiti molti tiri in porta nel secondo tempo, più di quanti ne dovevamo subire.

Perchè comunque abbiamo cominciato a giocare la palla all'indietro, stavamo fermi nelle posizione e non riuscivamo più a gestire la palla anche se abbiamo avuto occasioni buone, importanti a campo aperto, però su quello bisogna migliorare. In quella fase della partita - ma lo sanno anche i ragazzi - bisogna fare meglio".

Il calo di prestazione della Juventus durante la partita, il commento di Allegri

"È un contagio. Per 60 minuti dal primo tempo la squadra si è contagiata e ha fatto bene, aggredendo in avanti. Poi dopo il terzo gol, quando abbiamo cominciato a gestire la palla nella nostra metà campo, ad andare da Szczesny, a stoppare la palla con la suola, a sbagliare passaggi con superficialità, lì siamo usciti dalla partita e loro hanno tirato diverse volte in porta.

Questo non deve succedere perchè poi le partite di calcio non finiscono mai, prendi gol, vai in confusione, gli altri prendono coraggio e quindi bisogna essere sempre centrati sulla partita. Su questo si deve migliorare, perché il primo tempo di Monza, con la Salernitana all'andata. Sono passaggi che mi dicono che si deve migliorare con la testa questo tipo di partite che sono da vicere e non da giocare.

Allegri: "Un miglioramento c'è stato"

"Sotto questo aspetto sì, nei primi 10 minuti potevamo fare meglio nella circolazione di palla, la palla stagnava troppo dalla parte destra, poi abbiamo cominciato un po' a muoverla e siamo entrati un pochino più dentro in maniera più semplice. Su questo bisogna assolutamente migliorare la circolazione della palla, tecnicamente bisogna sbagliare meno, anche se poi con il vento il campo si è asciugato e la palla non viaggiava più, non era semplice, però bisogna lavorare sotto quell'aspetto, migliorando alcune situazioni. In più la fase difensiva bisogna continuare a farla nel miglior modo possibile".

Allegri sul recupero di giocatori importanti

"Direic che abbiamo bisogno di tutti. I ragazzi hanno fatto molto bene fino ad ora. Ad esempio ha fatto bene Fagioli e stava facendo bene Miretti, perché sono bravi giocatori. Ma ora più che mai c'è bisogno di tutti. Capisco che ci sono giocatori che stanno fuori mezz'ora però abbiamo una partita ogni tre giorni e i cambi sono importanti.

In partite del genere fare quattro cambi o cinque nel momento in cui stai tre a zero, quelli che entrano devono dare una mano perché il ritmo va mantenuto alto, l'intensità va tenuta giusta, quindi c'è bisogno di tutti e abbiamo tanti giocatori che vengono da tanti mesi di inattività con poche partite nelle gambe, e quando giochi una volta ogni 4 giorni devi essere bravo a indovinare chi mettere dentro all'inizio e durante la partita".

Allegri su Vlahovic

"Fisicamente è più leggero, si muove meglio, è più brillante. Questa sera ha giocato meglio anche tecnicamente e questo la dice lunga. Di Maria ha fatto 45 minuti in cui ha delizioni. MI facesse tutte partite 60 minuti così veramente sarebbe importante. Hanno fatto bene anche coloro che sono entrati.

Gli obiettivi per le prossime sfide di Serie A

"Io guardo la realtà delle cose. In campo ne abbiamo fatti 41 ma ce ne anno tolti 15 e siamo a 26. Ma per la salvezza dobbiamo fare minino 40 punti quindi ce ne mancano altri 14. Intanto abbiamo scalato un po' di posizioni. L'obiettivo è di arrivare nella parte sinistra della classifica".

Le dichiarazioni di Allegri in conferenza stampa post Salernitana Juventus

"I ragazzi sono responsabili, possiamo raccontarci tante cose, ma credo che non era e non è semplice tenere la testa dentro al campionato dopo che ti hanno tolto 15 punti momentaneamente. Ci siamo dati degli obiettivi, ossia raggiungere chi ci sta davanti e poi andare nella parte sinistra della classifica. Poi c'è la Coppa Italia con l'Inter e l'Europa League. Stasera era importante vincere. Abbiamo 26 punti, nessuno si ricorda che ne abbiamo fatti 41 e saremmo terzi in classifica. Si guarda la classifica attuale".

Sul recupero di Vlahovic

"Stasera non era semplice, era importante il recupero di tutti. Nell'ultima mezzora la Salernitana ha tirato molto in porta, potevamo fare meglio".

Allegri parla della Salernitana e di Nicolussi Caviglia

"La Salernitana sta facendo un ottimo campionato perché è lontana dalle posizioni di fondo. Nicolussi Caviglia tecnicamente è molto bravo e molto caratteriale, viene da un lungo infortunio, è molto testardo ed è riuscito a tornare in Serie A".

Su Miretti e il resto dei bianconeri

"Non appoggia la caviglia, vediamo nei prossimi giorni. Di Maria se fa sempre 60' così sono contento, è un campione. Vlahovic sta tornando bene, intanto Kean ha avuto occasioni importanti. Ci vogliono tutti questi giocatori, è normale che bisogna migliorare nella gestione della palla. Giochiamo ogni tre giorni, quindi tutti sono importanti".

Il commento di Allegri in conferenza stampa su Salernitana Juventus

La Salenitana difende bene e riparte bene, non è semplice. Noi all'inizio non abbiamo mosso la Salernitana da una parte all'altra, rimanendo sempre sulla destra, poi quando l'abbiamo fatto abbiamo trovato l'imbucata".

Allegri sulla prossima sfida con la Fiorentina

Le parole di Allegri a Sky Sport

"Serve giocare le partite in maniera attente, la Fiorentina aggredisce, ha tecnica, è scomoda da affrontare. Noi abbiamo fatto un passettino in avanti per tornare dalla parte sinistra della classifica, non avevamo mai fatto tre gol. Poi c'è l'Europa League, le semifinali di Coppa Italia, l'importante è che i calciatori rientrino in forma per giocare".

Serie A, Salernitana - Juventus 0-3: Vlahovic torna al gol

Tempo di lettura: < 1 minuto

SALERNITANA JUVENTUS TABELLINO - Per la prima volta nel corso di questa stagione di Serie A la Juventus è riuscita a segnare più di una rete in trasferta nel primo tempo di un match. Lo ha fatto all’Arechi grazie a Vlahovic e Kostic e le loro tre realizzazioni nella sfida con la Salernitana. I bianconeri vincono così a Salerno e nel posticipo della giornata 21. Di seguito il tabellino di Salernitana Juventus.

Il tabellino di Salernitana Juventus

SALERNITANA (4-4-2): Ochoa; Sambia, Troost Ekong, Bronn, Bradaric (60’ Bonazzoli); Candreva, L.Coulibaly, Nicolussi Caviglia (71’ Bohinen) , Vilhena (45’ Lovato); Dia, Piatek (71’ Crnigoj). All: Nicola

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Danilo, Bremer, Alex Sandro; De Sciglio (79’ Iling-Junior), Miretti (43’ Fagioli), Locatelli, Rabiot, Kostic (62’ Cuadrado); Di Maria (62’ Chiesa), Vlahovic (79’ Kean). All: Allegri

ARBITRO: Rapuano

Marcatori: 26’ Vlahovic rig. (J); 45’ Kostic (J); 47’ Vlahovic (J)

NOTE: Ammoniti: 16’ Rabiot (J); 22’ Vilhena (S);  Recupero: 6’ pt; 2 st. 

Locatelli: "Dobbiamo chiuderla. Spero niente di grave per Miretti"

Tempo di lettura: < 1 minuto

LOCATELLI SALERNITANA JUVENTUS - Queste le parole di Locatelli all'intervallo di Salernitana Juventus, match che vede i bianconeri rientrare negli spogliatoi in vantaggio per 2 a 0.

Locatelli all'intervallo di Salernitana Juventus

"Dobbiamo chiuderla perché le partite si possono riaprire. Nel secondo tempo dobbiamo segnare almeno un altro gol per chiuderla e continuare con questa mentalità".

Su Miretti

"Spero niente di grave. Gli auguro tutto e spero non sia nulla di grave".

Alex Sandro: "Partita complicata ma sappiamo cosa dover fare"

Tempo di lettura: < 1 minuto

ALEX SANDRO SALERNITANA JUVENTUS - Mancano pochi minuti al fischio d’inizio di Salernitana Juventus e le squadre sono in campo per il riscaldamento. Alex Sandro ha rilasciato alcune dichiarazioni a Juventus Tv e DAZN. 

Le speranze di Alex Sandro a pochi minuti da Salernitana Juventus

"Vincere porta sempre buon umore alla squadra e dobbiamo ripartire da lì. Contro la Lazio abbiamo fatto una buona gara sia offensivamente che difensivamente. Oggi sarà una partita complicata ma sappiamo cosa dover fare. La Salernitana ha giocatori forti in contropiede e noi dobbiamo essere preparati". 

Alex Sandro sull’atteggiamento della Juventus 

Le parole di Alex Sandro a DAZN

"Ogni partita è diversa ci saranno partite in cui il nostro atteggiamento sarà diverso in confronto agli altri, quindi l'importante è avere sempre il pallone per il massimo possibile.

La nostra realtà adesso è questa, quindi dobbiamo lavorare sopra questo, dobbiamo vincere tutte le partite per raggiungere il massimo dei punti".