Juventus, il partito degli insoddisfatti avvelena il clima intorno alla squadra: sarà lo Scudetto degli scontenti

25 Luglio 2020
- Di
Redazione JN
Tempo di lettura: < 1 minuto

JUVENTUS SCUDETTO SARRI RASSEGNA STAMPA - Il quotidiano Repubblica, nell'edizione odierna, dedica ampio spazio alle sfaccettature dello strano Scudetto juventino, ormai all'orizzonte a meno di crolli verticali impensabili anche per i più catastrofisti. Ci si aspettava un salto di qualità, nella stagione in corso. L'assunzione di Maurizio Sarri avrebbe dovuto garantire uno step in avanti anche dal punto di vista del gioco, oltre che della mentalità. Il dominio del match, lo spettacolo che si coniuga col risultato, la solidità difensiva: tutte cose che sono venute a mancare.

Lo Scudetto degli scontenti

Per la prima volta dal 1962, lo Scudetto sarà appannaggio di una squadra che avrà subìto più di un gol a partita. I 18 punti persi da situazioni di vantaggio, nonché le 4 sconfitte, su 5, patite dopo aver condotto il match, fanno crescere di numero il partito degli insoddisfatti. Sarà lo Scudetto degli scontenti. C'è pessimismo anche sulla Champions, addirittura sul passaggio del turno col Lione. Maurizi Sarri dovrà trovare in fretta quel quid che è mancato per buona parte della stagione. Per evitare che il suo primo trofeo in Italia passi alla storia come il più brutto degli ultimi anni.

© Copyright - Junews.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram