Buffon punge: "Volevo 10 scudetti, visto che due me li hanno scippati. Io vivo di sogni"

28 Luglio 2020
- Di
Redazione JN
Tempo di lettura: < 1 minuto

JUVENTUS INTERVISTA BUFFON - Tra i recordmen della Juventus che ha conquistato il nono scudetto consecutivo c'è anche e soprattutto Gianluigi Buffon, che ha messo in bacheca il suo decimo tricolore in bianconero. Il portierone juventino ha rilasciato un'intervista al Corriere dello Sport, dove ha parlato di questa stagione non risparmiando però una piccola polemica.

Juventus, Buffon e dieci scudetti

"Sono contento, alla fine, per me era importante chiudere dei cassetti, altrimenti qualcosa sarebbe rimasto incompiuto. Avevo un obbiettivo: arrivare ai 10 scudetti, visto che due me li hanno scippati. Ci sono riuscito. Anche il record di presenze mi fa piacere. Ma non è stato un anno facile. Io mi sono sempre adattato, di natura sono altruista, però dovevo fare i conti con ciò che ho rappresentato e che penso ancora di rappresentare".

Sulla stagione da secondo di Szczesny

"Sono veramente contento di me come persona. Ho sempre creduto che bisognasse fare gruppo, che chi stava dietro dava il suo contributo come chi stava davanti. Ma un conto è dirlo, un conto è esserci. Mi sono messo alla prova. E sono fiero di me stesso, perché la prova l’ho superata. Questo è stato veramente un anno diverso, per me: fare il secondo, non volere la numero 1, non volere essere capitano. Ho sempre detestato i gradassi e questo era un modo per mettermi alla prova, per dire: io non lo sono. Io vivo di sogni e utopie. Vivo di questo e non posso pensare che sia diversamente. Mi fa bene anche al fisico. Se non ho un capello bianco, è per quel 20 cento di follia fanciullesca. Non posso pensare che mi venga meno l’entusiasmo".

© Copyright - Junews.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram