Calvarese: "Juve - Inter? La più difficile di tutte"

23 Novembre 2023
- Di
Redazione JN
Gianpaolo Calvarese in campo con la divisa da arbitro parla di come è dirigere Juventus Inter
Tempo di lettura: 2 minuti

CALVARESE ARBITRI JUVENTUS INTER - L'ex arbitro Gianpaolo Calvarese ha rilasciato una lunga intervista a Tuttosport dove spiega come il derby d'Italia Juventus - Inter, sia si un grande stimolo per gli arbitri poterla dirigere, ma anche di come sia estremamente difficile da gestire.

Calvarese su Juventus Inter e gli arbitri

"Certamente, ambire alle partite più belle è da arbitro. Speri nella designazione, da mercoledì a domenica sera l'idea continua a sembrarti bella, poi arriva la gara e, una volta in campo scopri che l'unico obiettivo è finirla bene. Insomma, non è certo una partita che ti godi. Per esempio, Guida, che arbitrerà domenica, ha l'abitudine di chiudere la riunione prepartita con gli altri arbitri dicendo: "Ragazzi mi raccomando, divertiamoci". Ecco, io non sono d'accordo in generale, perché non mi sono mai divertito, è stato sempre un lavoro da affrontare con la massima concentrazione, mi sono divertito dopo se andava bene la partita. ma Juventus - Inter non è certo una partita da...divertirsi".

La partita più difficile della Serie A per gli arbitri

"Credo di si, per vari motivi. Un problema mediatico: è un evento planetario, numeri incredibili, quasi un miliardo di potenziali telespettatori. E poi per motivi di tifo, perché un terzo d'Italia tifa Juve e gli altri due terzi al di là della loro squadra del cuore, sono tendenzialmente antijuventini. Anche Roma - Lazio è difficile e la guardano in tanti, ma a fare il tifo sono solo romanisti e laziali. Juve - Inter la gurdano tutti e tutti si schierano fra juventini e antijuventini. L'agonismo è estremo e i calciatori avvertono questo clima: sia la pressione mediatica, sia la storia della partita, alzano alle stelle il livello agonistico".

Qual è stata la sua esperienza peggiore in questa partita

"Si, mi fa piacere e ammetto che fu una prestazione con qualche errore. È un bene che adesso si possa dire e ammettere. Una volta era un tabù, che per fortuna è stato superato. Non ho gestito al meglio la gara del 15 maggio 2021, fu comunque un momento di crescita e non trovo un' onta ammettere gli errori che non volevano avvantaggiare nessuno. Bisogna aver fiducia negli arbitri, anche se sbagliano, ed eliminare la dietrologia per incentivare la cultura calcistica".

Seguici Su

Advepa 3D For BusinessBanner con il logo dei servizi Discrod Sgravotech

Approfondimenti

© Copyright - Junews.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram