Le PAGELLE di Monza-Juventus 1-2: Rabiot-Gatti, la Juve vince una pazza partita

1 Dicembre 2023
- Di
Martino Cardani
L'esultanza della Juventus a Monza
Tempo di lettura: 3 minuti

MONZA JUVENTUS PAGELLE- La Juventus gioca una partita importante a Monza, sotto una pioggia gelata e contro una squadra ben organizzata. Accettando una ripresa arroccata alla difesa del vantaggio, la Vecchia Signora rompe il tabù Monza. Il finale, con il pareggio dei padroni di casa e il gol vittoria di Gatti, entrambi in pieno recupero, è qualcosa di pazzesco. Ecco le pagelle della redazione di Junews.it di Monza Juventus 1-2.

I voti della Juventus contro il Monza nelle pagelle della redazione

SZCZESNY, 6- Nel primo tempo fa lo spettatore. Nel secondo, nonostante il predominio del Monza in termini di gioco e controllo del campo, sostanzialmente anche. Perché non S.V.? Perché il portiere polacco della Juve, comunque, ostenta sicurezza quando chiamato a uscire sugli avanti avversari (vedi minuto 87). Può poco sul gol dei padroni di casa, cross sbagliato che sorprende tutti. INFREDDOLITO.
BREMER, 7- Solido il difensore brasiliano della Juventus, che non sbaglia alcun intervento e presidia area e trequarti bianconere con grandissima sicurezza. Dopo la sbavatura contro l'Inter, dimostra di essere costante ai livelli (altissimi) della stagione. MURAGLIA.
ALEX SANDRO, 6.5- Un bel rientro quello di Alex Sandro che, non dovendo andare in marcatura su una vera prima punta, gioca una partita intelligente per posizione e qualità delle ripartenze. Bravo anche non sottrarsi ai duelli fisici. SORPRESA.
GATTI, 7- Si vede poco sia in difesa, sia in impostazione. Non da lui. Vero anche che, quando si fa vedere in attacco, si divora il gol dello 0-2, a circa un metro dalla porta di Di Gregorio. Poi, però, decide Monza-Juventus al quarto minuto di recupero, dopo che la Vecchia Signora sembrava essere stata raggiunta in modo irrecuperabile nel recupero. DECISIVO.
CAMBIASO, 7- Gioca un'ottima partita, sia in fase di copertura che in fase di impostazione e ripartenza. Suo lo spunto che vale il rigore (fallito da Vlahovic) che innesca lo 0-1. Un paio di accelerazioni sono da vero talento. IMPORTANTE.
(LOCATELLI, S.V.).
MCKENNIE, 6- Solita partita di grande sostanza per l'americano che, tuttavia, è un po' troppo impreciso nella trequarti avversaria. Svolge, comunque, un lavoro "oscuro" veramente importante. INTERDITORE.
RABIOT, 7.5- Il Capitano guida la sua Juventus. Trova una grande incornata su cross di Nicolussi e porta avanti i suoi dopo l'episodio del rigore sbagliato, che avrebbe potuto minare il morale. Tenta un paio di accelerazioni e di giocate da vero campione, insidia più di una volta Di Gregorio. Inventa l'assist per l'1-2 a un soffio dalla fine e dalla beffa. TRASCINATORE.
NICOLUSSI, 6.5- Scelto nuovamente da titolare nella Juventus, gioca una partita meno timida rispetto a quella contro l'Inter. Suo l'assist a Rabiot, sue un paio di giocate interessanti in apertura a verticalizzazione. Dimostra carattere e discreta visione di gioco. NOVITA'.
(DANILO, 6.5- Al rientro, si occupa della mediana bassa dei bianconeri. Più di controllo e chiusura che di impostazione, fa il suo eccome. Un paio di chiusure su cross dei brianzoli sottolineano quanto questo giocatore sia importante per la Vecchia Signora. BENTORNATO).
KOSTIC, 6- Sembra avere un passo diverso dagli avversari che presidiano la sua fascia, eppure fatica a sfruttarlo. La pioggia e il campo non lo favoriscono, probabilmente, ma ci mette del suo con una serie di scelte affrettate. SPUNTATO.
CHIESA, 6- La conformazione del Monza non è quella idonea alle sue caratteristiche. Il numero 7, comunque, non si sottrae alla lotta e, con un paio di belle idee, libera i compagni in azioni interessanti. Prova qualche conclusione, ma non è fortunato. IMPRECISO.
(KEAN, S.V.).
VLAHOVIC, 5- Serataccia per Vlahovic. Al di là del rigore sbagliato, il serbo fatica a trovare i tempi giusti per impensierire la difesa del Monza. Sbiadisce sotto la pioggia ghiacciata di Monza. FANTASMA.
(MILIK, S.V.).

ALLEGRI, 6.5- La sua Juve gioca una partita difficile e gagliarda, su un campo difficile. Nel primo tempo i bianconeri non cadono nella trappola del Monza, che gioca senza vere punte, e non concedono alcun tiro in porta. Consueta partita di controllo dopo il vantaggio, con qualche bella trama offensiva mostrata con 1-2 veloci. Da rivedere l'atteggiamento troppo attendista della ripresa, che stava costando carissimo. Predica calma, ma vola in vetta. Aspettando l'Inter.

Martino Cardani

Seguici Su

Advepa 3D For BusinessBanner con il logo dei servizi Discrod Sgravotech

Approfondimenti

© Copyright - Junews.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram